Direttamente dagli Stati Uniti il primo album di Irene Jalenti

Esce anche in Italia, dopo l’anteprima negli Stati Uniti, il disco di una delle voci femminili più interessanti del panorama jazz internazionale, Irene Jalenti. Dal 18 febbraio DAWN, l’album interpretato dalla cantante e compositrice umbra da oltre un decennio residente a Baltimora, sarà disponibile presso tutte le principali piattaforme musicali online e nei negozi, prodotto da Irene per Antidote Sounds con distribuzione italiana Egea Music.

Irene Jalenti rivendica un posto di rilievo nel mondo del jazz per il suo talento musicale, apprezzato negli States ma coltivato nella città di Terni, dove è nata e cresciuta.

L’album raccoglie quattro brani originali scritti dall’artista insieme a sei cover, scelte in modo scrupoloso, interpretate insieme a una straordinaria gamma dei migliori strumentisti di Baltimora, oltre a due “special guest” internazionali, quali il trombettista Sean Jones e il vibrafonista Warren Wolf.

Sebbene DAWN sia la sua prima registrazione da solista, Jalenti è stimata da oltre un decennio dalla comunità jazz nelle aree combinate di Baltimora e Washington DC, conosciute localmente come il distretto “DMV”, comprendente Maryland e Virginia. Mentre i fan, gli amici e i colleghi l’hanno spesso esortata a registrare il suo lavoro, è stato il recente isolamento imposto dal COVID-19 che finalmente le ha permesso di concepire, sviluppare ed eseguire una visione per il suo album di debutto. “Fino all’anno scorso non sentivo di avere quello che occorre per fare un disco – afferma – ma la quarantena mi ha permesso di avere il tempo di scavare un po’ più a fondo in me stessa per comprendere al meglio cosa volevo comunicare e cosa rappresentare con questo lavoro”.

La risposta a queste intenzioni è rintracciabile lungo ogni traccia del progetto, un album dai toni ricchi e profondi nel quale spiccano in primis un’esibizione magistrale ed avvincente in standard come “How Deep Is the Ocean”, “You and the Night and the Music” e “Beautiful Love”, gli ultimi due con il luminoso e cesellato lavoro di tromba di Jones. Ma, allo stesso tempo, si denotano anche nuovi livelli di emozione e significato nel classico brasiliano “Carinhoso”, in “Let It Be” dei Beatles e in “Walking in the Air” di Howard Blake, circondato da un’aura evocativa di profondo mistero.

Originali e innovative sono poi le canzoni da lei firmate, intrise di gioia, meraviglia e attenta costruzione testuale: basti pensare alla linea scat dura di “That’s How the Story Goes”, alla meditazione drammatica sui cicli del giorno e della notte, e quindi della vita, presente in “Moon and Sun” o al fascino della poesia racchiusa con fantasioso talento in particolari ambientazioni musicali, operazione concepita per “Alma Desnuda” e “Dawn”, che si avvalgono delle parole rispettivamente di Alfonsina Storni e Meleagro di Gadara.

È una testimonianza ulteriore della sua abilità artistica quella di aver saputo attrarre talenti così formidabili per accompagnarla in questo viaggio discografico: insieme a Wolf (che illumina “Dawn”) e Jones (che appare in cinque tracce), Irene Jalenti dimostra di possedere una grande sinergia con la sua sezione ritmica di lavoro costituita dal pianista Alan Blackman, dal bassista Jeff Reed e dal batterista Eric Kennedy. Inoltre, il chitarrista argentino americano Cristian Perez impone il suo sublime imprinting in due tracce dell’album. Ognuno attraverso la propria specificità musicale e tutti insieme in studio, questi grandi professionisti contribuiscono a elevare DAWN ad un livello trionfale di espressione nel quale l’interprete vocale riesce a esprimersi al meglio. Come lei stessa asserisce, “Il mio suono è uscito quando finalmente ho permesso alla mia musica di uscire”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*